Codice di migrazione: verifica e dove si trova

Il codice di migrazione è un codice che si trova nella bolletta e che serve per rendere più rapidi e semplici i cambi di operatore di linea ADSL e fibra. Facilita la procedura perché la maggior parte delle informazioni riguardanti la linea telefonica sono già incluse al suo interno e velocizza le operazioni perché basta fornirlo al nuovo operatore per avviare l'attivazione di una nuova offerta.

Per passare da un'offerta per telefono o Internet a un'altra dopo un confronto tariffe ADSL, è sufficiente avere sottomano il codice di migrazione, reso obbligatorio da una delibera dell'AGCOM per tutti gli operatori del mercato. Questo vale anche per chi vuole cambiare la propria offerta fibra ottica.

Mentre nel caso in cui si debba effettuare una disdetta ADSL o fibra definitiva (senza quindi il passaggio ad altro operatore) il codice di migrazione non è necessario.

Che cosa è il codice di migrazione?

Il codice di migrazione è un codice alfanumerico situato nella bolletta e indispensabile per cambiare il proprio operatore per la linea ADSL.
La maggior parte delle informazioni riguardanti la linea sono già incluse al suo interno e basta fornirlo al nuovo operatore per avviare l'attivazione di una nuova offerta. 
Si tratta di una stringa con un certo numero di caratteri e lettere (da 7 a 18) che identificano l'abbonato in modo univoco.

Per passare da un'offerta a un'altra dopo un confronto tariffe internet casa, è sufficiente avere sottomano il codice di migrazione, reso obbligatorio dalla delibera n. 274/07/CONS dell'AGCOM per tutti gli operatori del mercato.

Mentre nel caso in cui si debba effettuare una disdetta ADSL o fibra definitiva (senza quindi il passaggio ad altro operatore) il codice di migrazione non è necessario.

 

Che cosa è il codice di migrazione?

Il codice di migrazione è un codice alfanumerico situato nella bolletta e indispensabile per cambiare il proprio operatore per la linea ADSL o fibra.
La maggior parte delle informazioni riguardanti la linea sono già incluse al suo interno e basta fornirlo al nuovo operatore per avviare l'attivazione di una nuova offerta. Il codice è infatti stato pensato proprio per agevolare la gestione delle procedure di cambio operatore.

Nello specifico il codice di migrazione è una stringa con un certo numero di caratteri e lettere (da 7 a 18) che identificano l'abbonato in modo univoco.  Il codice è composto da quattro parti:

  • Codice segreto (COW) che contiene il codice segreto del cliente;
  • Codice risorsa (COR), identifica univocamente la risorsa oggetto del trasferimento, può essere di 8 o 12 cifre (in genere è il numero di utenza telefonica);
  • Codice servizio intermedio (COS) che identifica il servizio intermedio utilizzato dal Donating sulla risorsa.
  • Carattere di controllo (M) un singolo carattere alfanumerico utilizzato dal Recipient per verificare la correttezza sintattica del codice fornito dal cliente.

Il codice segreto del cliente fa parte del COW ed è costituito da 3 caratteri alfanumerici scelti da un algoritmo tra 200 combinazioni fornite agli operatori di telefonia mobile e fissa, così come stabilito dalla delibera n. 59/09 CIR dell’Agcom.

Il COS invece è una parte del codice che indica il tipo di servizio di cui si usufruisce. Va da 001 a 017 e ciascuno di queste stringe di 3 caratteri indica uno specifico servizio intermedio. Lo 001 è associato, secondo l’Accordo Quadro, al servizio ULL, questo acronimo letteralmente significa Unbundling del Local Loop che in italiano è tradotto con Accesso disaggregato alla rete locale. In sostanza indica che l’operatore si appoggia alle infrastrutture di un altro. In parole ancora più semplici, si tratta del codice associato alla tecnologia di accesso a Internet.

Inizialmente questo codice si fermava alla stringa 008, sono poi stati introdotti i restanti numeri per indicare le connessioni che viaggiano in fibra.

 

Verificare il codice di migrazione

SosTariffe.it propone un efficace sistema che permette di verificare e di controllare in modo rapido se il codice di migrazione è formalmente corretto: è sufficiente scegliere il gestore verso il quale si vuole effettuare il passaggio e inserire il proprio codice. 
Cliccando su "verifica" si otterrà un esito positivo o negativo: se è positivo significa che si può effettuare correttamente la portabilità senza cambiare il numero di telefono.

Scegli il nuovo operatore
Verifica

Esempio:

B8B0223837888001M

Informazioni contenute: 

1) Numero di telefono fisso
2) Tipo di linea
3) Nome attuale operatore

 

Dove si trova il codice di migrazione?

Solitamente il codice di migrazione è situato:

  • nella fattura cartacea del servizio che arriva a casa (a volte con altre diciture come ad esempio "codice segreto", oltre che a quella più comune di "codice di migrazione");
  • nella bolletta in PDF che in alcuni casi è possibile richiedere e ricevere sulla propria casella email. Per questa tipologia di fatture online, che di norma sono la copia esatta di quelle cartacee, è certo che il codice di migrazione si trovi nello stesso punto;
  • nell'area privata dedicata ai clienti che si trova sul sito del provider, scaricando la bolletta online o visitando le sezioni che ospitano le informazioni sul conto telefonico.

Non riesci a trovarlo? Nessun problema ecco una guida completa operatore per operatore: scopri subito dove si trova il codice di migrazione. Ad esempio, se cercate il codice sulle bollette TIM dovrete cercare la dicitura codice segreto, infatti l’operatore ha mantenuto questo tipo di denominazione. Infostrada invece lo inserisce accanto al numero di telefono, mentre Vodafone mette questo dato in alto a destra nel riepilogo delle informazioni della linea Internet Adsl o fibra.

Con tutti gli operatori potrete trovare il codice nella fattura del telefono che vi arriva a casa, potrete ottenerlo dalle ricevute online o con una chiamata al call center del tuo gestore.

Ecco i numeri dei principali servizi clienti a cui rivolgersi per poter avere il codice:

  • TIM 187
  • Vodafone 190
  • Wind/Infostrada 155
  • Fastweb 192193
  • Tiscali 130

In caso di codice errato ecco cosa fare

Se lo strumento di verifica di SosTariffe.it restituisce un esito negativo vuol dire che il codice di attivazione è errato, pertanto non può essere utilizzato per la portabilità. Nel dubbio si può sempre effettuare un calcolo per vedere come dovrebbe essere il codice corretto.

Una volta trovato il codice corretto, per completare la procedura di trasferimento della linea Internet casa, sia in caso si tratti di Adsl che di fibra, non dovrete fare altro che contattare l’operatore fornirgli i dati della linea (compreso il codice di migrazione) e scegliere la nuova offerta a cui passare. Quando si passa da un operatore all’altro sono di solito previsti dei costi per la gestione del trasferimento del cliente, in generale più bassi di quelli necessari per la disattivazione di una linea. I primi infatti sono di solito compresi tra i 5 e i 10 €, mentre per la disattivazione si possono pagare 30 € o di più.

Entro un paio di giorni dall’invio della richiesta e dei documenti necessari, compilati e firmati, se la migrazione sarà effettuata con successo e potrete usufruire dei nuovi servizi offerti dall’operatore prescelto.